-->

sabato 30 gennaio 2016

Muffin vegani cocco e cacao



Questi mini muffin vegan al cocco e al cacao sono fantastici: morbidissimi e umidi, non troppo dolci e molto leggeri. Dopo molti tentativi falliti, ecco la ricetta perfetta a colazione o a merenda, ma anche come dessert magari decorando con del frosting al cioccolato.

Questi piccoli dolcetti sono fantastici, anche se diversi dai classici muffin: sono morbidissimi e umidi, non troppo dolci e molto leggeri. Dopo molti tentativi falliti, ecco la ricetta perfetta a colazione o a merenda, ma anche come dessert magari decorando con del frosting al cioccolato. 

Questi mini muffin vegan al cocco e al cacao sono fantastici: morbidissimi e umidi, non troppo dolci e molto leggeri. Dopo molti tentativi falliti, ecco la ricetta perfetta a colazione o a merenda, ma anche come dessert magari decorando con del frosting al cioccolato.  
Eccola…

venerdì 29 gennaio 2016

La spesa del vegano: cosa mettere nel carrello e dove trovare tutto ciò che serve - parte 2 - cibi particolari

"Chi fa i primi passi nel mondo veg spesso è spaesato e si domanda “cosa faccio da mangiare stasera?”.. allora decide di andare su internet e trova una serie di ricette super invitanti che però, ahimè, prevedono una serie di ingredienti “esotici”, sconosciuti e all’apparenza introvabili. Così si finisce col mangiare pasta al pomodoro, minestra e burger di soia tutto il tempo, sempre che non rinunci al veganesimo del tutto. E vi capisco: all’inizio ho fatto sei mesi a mangiare minestra o pasta una sera sì e l’altra pure …

Siccome non voglio che questo accada anche a voi sono qui per darvi qualche facile consiglio per cominciare a mangiare in modo equilibrato e vario fin da subito non spaventandosi di fronte a nomi di ingredienti che magari non conoscete ma che sono semplici da trovare e da utilizzare, dimostrandovi che eliminare la carne significa accogliere nella propria cucina molto di più."
La spesa del vegano: cosa mettere nel carrello e dove trovare tutto ciò che serve per essere sempre al top - cibi particolari
fonte immagine
Completando la lista della parte 1 (leggi qui la parte sugli ingredienti base) con aceto di mele, polpa di pomodoro e olio di oliva potete avere la dispensa piena e mangiare bene, e, come vedete, non c’è nulla di complicato…ci sono però alcuni altri ingredienti che vi consiglio per rallegrare un po’ il tutto:

LATTE VEGETALE
Ve ne sono molti tipi e moltissime marche: dovete provarle tutte e trovare un compromesso tra la qualità degli ingredienti e il sapore. I latti di riso e mandole generalmente sono buoni anche se non hanno addensanti né zuccheri aggiunti. Quello di soia può sostituire le uova a volte. Al supermercato trovate quello di soia, avena, riso, mandorle, cocco e a volte pistacchio. Quelli di nocciola, anacardi e quinoa si trovano nei negozi bio.Qui qualche consiglio per scegliere il migliore.

Sempre nel reparto latticini troverete lo yogurt di soia, che non ha nulla da invidiare a quello vaccino, ma deve essere senza zuccheri né addensanti miraccomando..

DOLCIFICANTI
Sappiamo bene che lo zucchero bianco non è vegano e non fa bene, ma vi sono altri dolcificanti naturali ottimi che si trovano nei negozi bio e di rado al supermercato: zucchero di canna integrale, melassa, zucchero di cocco, zucchero o purea di datteri malto di riso o orzo sono i più naturali e salutari.

SPEZIE ed ERBE AROMATICHE
Ottime per dare sapore ai piatti al posto del dado e del sale.. leggete questoarticolo per sapere quali utilizzo io.

TOFU e TEMPEH
Derivati della soia, si trovano di sicuro nei negozi biologici, ma ultimamente si fanno strada anche si supermercati, nel frigorifero dei latticini. Ve ne sono più tipi: liscii, affumicati (d’obbligo per la carbonara veg), alle erbe… Il tempeh è consigliato perché contiene la soia intera fermentata, quindi ha fermenti probiotici salutari. Sbollentateli in acqua per eliminare il gusto amarognolo.

Si trovano anche sughi pronti tipo il pesto di tofu nei negozi biologici.

LIEVITO ALIMENTARE IN SCAGLIE
E’ fantastico: al posto del grana sulla pasta ma anche sulle insalate, è lievito di birra essiccato senza potere lievitante, ricco di vitamine del gruppo B. Non si trova nel reparto dolci, ma è venduto in grandi barattoli di carta nello scaffale condimenti sia nei negozi bio che in alcuni supermercati. Qui una ricetta.

MARMELLATE E BURRI DI NOCI
Scegliete confetture bio e dolcificate con sola frutta, e se volete deliziarvi prendete burripuri di mandorle, nocciole,arachidi, sesamo (tahin), pistacchi..

CIOCCOLATO FONDENTE E CACAO
Nulla da dire a parte il fatto che dovete leggere gli ingredienti perchè il latte è ovunque. Nei negozi bio si trova anche il cioccolato bianco veg, ma non l’ho mai provato.

CREMOR TARTARO, BICARBONATO E LIEVITO
Il cremor tartaro sostituisce egregiamente assieme al bicarbonato il classico lievito per dolci ed è ottenuto dall’uva. Comunque il classico lievito per dolci non va male e, a differenza di come molti pensano, non è vero lievito (come quello di birra) ma soltanto polvere lievitante che non provoca allergie strane.

DOLCI E MERENDE
Per le emergenze, al supermercato trovate una serie di merendine-dolci-biscotti bio ma attenzione che ben poche sono vegan. Nei negozi biologici c’è una scelta enorme, ma leggete sempre gli ingredienti e cercate la V di vegan sulle confezioni.

ALTRI
A parte la salsa di soia non ho mai provato nessuno dei seguenti, ma mi sembrava giusto nominarli lasciandoli alla vostra curiosità… si trovano tutti solamente nei negozi bio e costano tutti un’occhio della testa: acidulato di umeboshi, pasta di miso, arrowroot, kombucha, konjak, fave tonka

Ora.. non vi resta altro che andare a far la spesa!

La spesa del vegano: cosa mettere nel carrello e dove trovare tutto ciò che serve - parte 1 - le basi

Chi fa i primi passi nel mondo veg spesso è spaesato e si domanda “cosa faccio da mangiare stasera?”.. allora decide di andare su internet e trova una serie di ricette super invitanti che però, ahimè, prevedono una serie di ingredienti “esotici”, sconosciuti e all’apparenza introvabili. Così si finisce col mangiare pasta al pomodoro, minestra e burger di soia tutto il tempo, sempre che non rinunci al veganesimo del tutto. E vi capisco: all’inizio ho fatto sei mesi a mangiare minestra o pasta una sera sì e l’altra pure …

Siccome non voglio che questo accada anche a voi sono qui per darvi qualche facile consiglio per cominciare a mangiare in modo equilibrato e vario fin da subito non spaventandosi di fronte a nomi di ingredienti che magari non conoscete ma che sono semplici da trovare e da utilizzare, dimostrandovi che eliminare la carne significa accogliere nella propria cucina molto di più.

E' un articolo un po' lungo quindi l'ho spezzato in due parti: a fondo pagina troverete il link per la parte 2.

La spesa del vegano: cosa mettere nel carrello e dove trovare tutto ciò che serve per essere sempre al top - le basi
fonte immagine
Iniziamo con i prodotti base…

FRUTTA E VERDURA
Non potete aspettarvi di essere vegani senza mangiare frutta e verdura in abbondanza e non annoiarvi: la frutta è ottima a colazione e per gli snack, e la vedura è uno degli ingredienti principali per condire i piatti. Provate nuovi tipi di ortaggi: potrebbero sorprendervi.

E ricordatevi che come zucca, patate e castagne, contenendo amido, possono essere la portata principale del pasto.

Ecco alcuni esempi di verdure: cavolfiore, broccolo, cavolo nero, cavoletti di Bruxelles, cavolo romani, verza rossa, radicchi, coste, patate dolci, insalata indivia, ravanelli, barbabietole, zucca, cipollotti, porri, cipolline borettane, peperoni dolci, cipolle rosse, rape, carciofi, finocchio, melanzane, cardi, catalogna, radicchio da campo, fagiolini…

E di frutta: pere, cachi, fichi, uva, pomelo, pompelmi, avocado, datteri, clementine, litchie, susine, nespole, pesche saturnie, melone bianco…

LEGUMI
Nel carrello del vegano non devono mai mancare i legumi.

Secchi, per tutti i giorni, (qui qualche consiglio per prepararli) e in scatola, per le emergenze. Quelli secchi sono più economici, con poco sodio e non rischiano contaminazioni da parte della lattina, ma anche quelli in scatola sono validi e, di solito, le marche biologiche non contengono sale. Non dimenticate la farina di ceci, ottima per frittate e pastelle.

Variate anche qui:  fagioli borlotti, ceci, fagioli rossi, fagioli neri, lenticchie rosse, arancioni o verdi (non necessitano ammollo e in mezzora sono cotte), le fave, i fagioli cannellini, i bianchi di Spagna, i kidney, gli azuki rossi o verdi, i fagioli di soia, i fagioli dall’occhio bianchi o neri ecc

CEREALI
E accanto ai legumi non mancano mai i cereali e gli pseudocereali integrali, che forniscono una buona dose di carboidrati. Si trovano sotto forma di pasta, cous cous, fiocchi, farina o in chicco.

I cereali in chicco integrale di solito hanno tempi di cottura oltre 20 min. , ma si trovano anche precotti, con tempi di cottura molto brevi e comunque di ottima qualità.

Cercate di variare tra i vari tipi..

La pasta si trova in versione di grano integrale, d’orzo, di farro o di mais (nel reparto senza glutine, scegliete paste che contengano solamente mais o riso e acqua). Provate anche i vermicelli di riso, nel reparto dei prodotti esotici di solito. Paste di grano saraceno o di quinoa invece si trovano quasi esclusivamente nei negozi biologici, e costano parecchio.

I cereali in chicco invece si trovano quasi tutti al supermercato: grano, riso integrale, riso nero, miglio, quinoa, grano saraceno, orzo, farro, avena, kamut. Se invece volete provare cose più particolari come l’amaranto o il teff vi consiglio di cercare nei negozi biologici.

Ottimi per la colazione sono i fiocchi di cereali o i cereali soffiati (avena, riso, kamut e farro al supermercato, amaranto e quinoa nei negozi bio).

Il couscous e il bulghur sono fatti di grano ma il couscous si trova anche di mais o riso nei negozi biologici. Non dimenticatevi della deliziosa polenta (anche quella istantanea è ottima).

FARINE
Le farine sono sempre utili in cucina se si vuole creare qualche dolceveg. Io le divido in farine con glutine, senza glutine, e farine senza glutine “leganti”. In generale farine di uno stesso gruppo possono indicativamente essere interscambiate in una stessa ricetta, salvo per impasti che richiedono una lievitazione particolare. Ecco dunque le farine più comuni:

Con glutine sono: grano integrale, farro, kamut e orzo.
Senza glutine: mais, riso, grano saraceno, avena (non è adatta ai celiaci ma ha talmente poco glutine che nelle ricette non ha effetto), mandorle, cocco, patate, platano e quinoa (queste ultime due nei negozi bio)
Senza glutine “leganti”: ceci, soia, lino e castagne (possono sostituire le uova in molte ricette)

SEMI OLEOSI E FRUTTA SECCA (non frutta essiccata)
Sono una cosa fantastica dal punto di vista del gusto su ogni piatto e sono indispensabili per mangiare in modo equilibrato. E’ stato scientificamente provato che non fanno ingrassare ma anzi hanno un alto potere saziante perciò aiutano nel controllo del peso. Sceglieteli non tostati e senza sale. Consumate 30/50 g al giorno tra:

Noci, nocciole, mandorle, noci peca, (negozi bio), anacardi, arachidi, macadamia, cocco, semi di girasole, lino sesamo, sesamo nero, chia, papavero

Completando questa lista con aceto di mele, polpa di pomodoro e olio di oliva potete avere la dispensa piena e mangiare bene, e, come vedete, non c’è nulla di complicato…ci sono però alcuni altri ingredienti che vi consiglio per rallegrare un po’ il tutto...

Date un'occhiata qui a tutte le ricette che ora potete creare...

mercoledì 27 gennaio 2016

Patè di semi alle erbe - con sesamo e girasole

salsina ricca di nutrienti e di gusto,  per aperitivi, in una pasta o per merenda. con girasole e sesamo

Questa è una salsina semplice semplice ma ricca di nutrienti e di gusto, adatta per aperitivi, in una pasta o per una semplice merenda. Ve la propongo proprio ora perchè ci avviciniamo alla primavera e credo sia un'ottimo patè veloce da servire ad amici magari ad un picnic.
Ecco come farla...


salsina ricca di nutrienti e di gusto,  per aperitivi, in una pasta o per merenda. con girasole e sesamo

Ingredienti 

50 g di semi di girasole 
50 g di semi di zucca
50 g di semi di sesamo
30 g di semi di lino
50 g di olio evo
50 g di acqua
Sale q.b.
4 foglie di basilico
1 cucchiaino di timo limone essiccato
1 cucchiaino di origano essiccato
salsina ricca di nutrienti e di gusto,  per aperitivi, in una pasta o per merenda. con girasole e sesamo

Procedimento

Tritate a farina i semi, aggiungete poi le erbe, il sale e frullate. Mettete ora l'olio, l'acqua e frullate ancora fino ad ottenere una crema, aggiungendo più acqua se necessario. Ottima con questi cracker senza glutine al rosmarino!

salsina ricca di nutrienti e di gusto,  per aperitivi, in una pasta o per merenda. con girasole e sesamo

P.s.: sbizzarritevi con le erbe, potete aggiungere maggiorana, menta, salvia, timo e magari dell'aglio essiccato... ciò che più vi piace!


salsina ricca di nutrienti e di gusto,  per aperitivi, in una pasta o per merenda. con girasole e sesamo

martedì 26 gennaio 2016

Organizzare una settimana di pasti vegan per chi non ha tempo (con piano d'esempio stampabile )

Organizzare i pasti per una settimana per tutta la famiglia può non essere facile, soprattutto se si lavora e si vuole mangiare sano e senza spendere troppo. Nulla è però impossibile quindi, dopo l’articolo sui 12pasti per chi non ha tempo, ecco qualche consiglio, per essere organizzati tutta la settimana a colazione, pranzo e cena… infondo alla pagina trovate anche una versione esempio piano settimanale.


lunedì 18 gennaio 2016

Torta senza glutine alle mandorle

Questa torta è un po' particolare: è fatta con farina di riso, la quale è completamente senza glutine e permette di ottenere torte "inzuppose" , abbinata alla farina di mandorle, che da un profumo irresistibile ed inconfondibile. Ecco la ricetta...

Questa torta è un po' particolare: è fatta con farina di riso, la quale è completamente senza glutine e permette di ottenere torte "inzuppose" , abbinata alla farina di mandorle, che da un profumo irresistibile ed inconfondibile. 
Ecco la ricetta...

Questa torta è un po' particolare: è fatta con farina di riso, la quale è completamente senza glutine e permette di ottenere torte "inzuppose" , abbinata alla farina di mandorle, che da un profumo irresistibile ed inconfondibile. Ecco la ricetta...